9 Giorni di Gilly Macmillan (Club dei lettori) – Recensione in anteprima


Recensioni / venerdì, Ottobre 2nd, 2015
Recensioni

9 Giorni di Gilly Macmillan

Rachel Jenner è sconvolta e in preda al panico: suo figlio Ben, di soli otto anni, è scomparso, e lei non sa come affrontare questa tragedia. Inoltre, a peggiorare la situazione, ci sono gli obiettivi della stampa e le telecamere delle TV che seguono lo sviluppo del caso e le stanno con il fiato sul collo. È vero, ha commesso una leggerezza: ha perso per un attimo di vista Ben e lui è sparito e ora tutto il Paese pensa che lei sia una madre sprovveduta e vada condannata. Ma cosa è successo veramente in quel tragico pomeriggio? Stretta fra il dramma di aver perso il figlio, le sempre più serrate indagini della polizia e la pubblica gogna dei media, Rachel deve affrontare un’altra agghiacciante realtà: tutto quello che sa di sé e dei suoi cari si rivela una gigantesca bugia. E non c’è più nessuno, nemmeno nella sua famiglia, di cui la donna possa fidarsi. Il tempo stringe e forse il piccolo Ben potrebbe essere ancora salvato, ma l’opinione pubblica ha già deciso. E tu, da che parte starai?
Rachel Jenner è sconvolta e in preda al panico: suo figlio Ben, di soli otto anni, è scomparso, e lei non sa come affrontare questa tragedia. Inoltre, a peggiorare la situazione, ci sono gli obiettivi della stampa e le telecamere delle TV che seguono lo sviluppo del caso e le stanno con il fiato sul collo. È vero, ha commesso una leggerezza: ha perso per un attimo di vista Ben e lui è sparito e ora tutto il Paese pensa che lei sia una madre sprovveduta e vada condannata. Ma cosa è successo veramente in quel tragico pomeriggio? Stretta fra il dramma di aver perso il figlio, le sempre più serrate indagini della polizia e la pubblica gogna dei media, Rachel deve affrontare un’altra agghiacciante realtà: tutto quello che sa di sé e dei suoi cari si rivela una gigantesca bugia. E non c’è più nessuno, nemmeno nella sua famiglia, di cui la donna possa fidarsi. Il tempo stringe e forse il piccolo Ben potrebbe essere ancora salvato, ma l’opinione pubblica ha già deciso. E tu, da che parte starai?
  • Editore: Newton Compton Editori
  • Pagine: 480
  • Prezzo di copertina: € 4,99 (ebook)
  • Uscita: 8 Ottobre 2015

Ben è un bambino di 8 anni, ha sofferto molto dopo il divorzio dei suoi genitori. Quando papà John è andato via di casa con Katrina, sia Ben che la mamma Rachel hanno fatto fatica a riprendersi e, anche se Ben non riesce a dormire senza la sua “pezzetta” è un bambino forte e coraggioso e deve esserlo anche per la mamma.

Ma proprio quando le cose sembrano andare meglio, Rachel, che cerca di educare il figlio ad essere più indipendente, perde di vista Ben nel bosco vicino alle altalene. Dopo pochi minuti non c’è traccia del piccolo, e Rachel inizia un’estenuante ricerca del suo bambino.

Inizialmente viviamo gli attimi della sparizione di Ben insieme alla mamma. Cominciamo grazie a lei a conoscere i vari personaggi che circondano il piccolo Ben, il padre e la sua matrigna, la zia, l’amica Laura, la sua maestra e l’assistente scolastico; e contemporaneamente conosciamo anche Jim, il detective che si occupa del caso insieme alla sua compagna Emma.

La storia non è incalzante né scorrevole come speravo, si fatica a procedere nella lettura soprattutto perché sembra che vengano descritti dei fatti di cronaca in modo molto impersonale, senza suspense.

L’analisi della tragedia si concentra, in alcuni punti, sulle condizioni psicologiche del detective che si occupa del caso e, in altri, sul rapporto tra l’opinione pubblica e i mass-media. Come reagisce la gente a questo tipo di notizie? Rachel dice la verità oppure mente?

Da casa e davanti al computer ogni persona che segue i notiziari commenta con la propria opinione. E purtroppo, ormai, tramite internet ognuno può dire la sua, ferendo anche coloro che sono più vicini al bimbo.

La storia diventa più interessante quando Rachel viene presa di mira dai giornalisti e dalle persone che seguono la vicenda, è curioso scoprire come un piccolo gesto possa stravolgere le nostre intenzioni.

Dopo le prime 200 pagine la lettura procede più velocemente, sono passati diversi giorni dalla sparizione di Ben. Ammetto che ho trovato molte parti superflue alla trama, mentre ho apprezzato le particolarità sul passato di Rachel e di sua sorella che hanno arricchito molto la storia.

Credo che non sia stata una buona idea alternare il punto di vista di Jim, il detective, a quello di Rachel. La parte di Jim distrae leggermente il lettore e si perde l’attenzione sulla storia. La stessa cosa vale per gli articoli che parlano del rapimento, del blog e dei commenti. Sarebbe bastato fare un riferimento invece che riempire pagine e pagine di ritagli di articoli.

Concludo sconsigliando questo libro a chi si aspetta un thriller ricco di suspense e azione. Mentre, mi sento di consigliarlo a coloro che amano le analisi psicologiche dietro una tragedia e l’attenzione a tutti i familiari e gli amici coinvolti in questa sparizione.

Stelle: 3/5

Consigli di lettura: Non aspettatevi una storia che vi tiene con il fiato sospeso, ma ve lo consiglio se avete voglia di un mistero con poca azione ma molta analisi psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *