Sibil di Marco Scardigli

In un thriller trascinante e fitto di colpi di scena, Marco Scardigli esplora con abilità e delicatezza la frontiera in cui umano e digitale si fondono, dando vita a un personaggio indimenticabile.

Sibil è soltanto una ragazzina, all’apparenza, mangia riso in bianco e ha bisogno di caldo e silenzio.

Ma questa è la superficie: Sibil, infatti, ha un passato misterioso che le ha lasciato capacità smisurate. Possiede tutte le abilità di qualsiasi essere umano, ma la sua mente nasconde altro: è in grado di conoscere ogni cosa si trasmetta su vie digitali. È molto più potente di un computer, più pericolosa.

La sua stessa esistenza è un segreto.Per questo il colonnello Marisa Santandrea non può rivelare alla propria squadra che è Sibil il loro asso nella manica. Insieme ai capitani Addolorata Rubino e Mariangela Ortiga, fa parte di un’unità speciale della Guardia di Finanza apparsa dal nulla, formata solo da donne, e alle prese con un’indagine di altissimo profilo.

Un traffico di capitali illeciti tra l’Italia e la Svizzera. Le tre sono conosciute nell’ambiente per essere esperte, toste, in una parola: infallibili. Ora, però, sono in difficoltà. Il caso si fa sempre più intricato e il nemico sembra essere inafferrabile. Sibil è la loro ultima possibilità, quando tutto sembra perduto.

Marco Scardigli

È nato, vive e lavora a Novara. Storico militare, ha pubblicato per Mondadori la trilogia sulle battaglie nella storia d’Italia, per Rizzoli Le grandi battaglie del Risorgimento (2010), per Utet, tra gli altri, Viaggio nella terra dei morti (2014) e Il viaggiatore di battaglie (2017). È anche appassionato di gialli: Èvelyne. Il mistero della donna francese (Interlinea 2018) è la seconda avventura con protagonisti Tina, Stoffel e Marchini dopo Celestina. Il mistero del volto dipinto(Mondadori, Milano 2016). Oltre che di storia e narrativa, è anche appassionato di giochi e di cultura gastronomica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *